Hypertension Treatment Shouldn’t Be Tailored to Patient Adiposity

Bruce Soloway, MD Reviewing Franklin SS and Weber MA., Lancet 2014 Nov 4;

In una meta-analisi dei vari regimi antipertensivi, l’indice di massa corporea non ha influenzato l’efficacia.

 

L’ipertensione è molto più comune nei pazienti obesi che in quelli magri e la sua fisiopatologia potrebbe differire a seconda della adiposità.

Recenti studi hanno suggerito che l’efficacia di alcuni farmaci antipertensivi per prevenire i principali eventi avversi cardiovascolari (ACV), varia a seconda del  peso del paziente (NEJM JW Gen Med 21 marzo 2013). Per valutare questa ipotesi, i ricercatori hanno esaminato svariati  dati  di paziente, tra cui l’indice di massa corporea (BMI). Hanno considerato  22 studi (> 135.000 pazienti) in cui i ricercatori hanno confrontato regimi antiipertensivi versus placebo o confronti tra farmaci antipertensivi . L’efficacia comparativa è stata analizzata nei sottogruppi di pazienti magri,  in sovrappeso, e obesi (BMI : <25, 25-30, e ≥30 kg / m2, rispettivamente) e nella coorte paziente nel suo complesso, con BMI come una variabile continua.

Quando BMI è stato analizzato come una variabile continua  gli inibitori dell’enzima di conversione erano leggermente ma significativamente più efficace nel prevenire gli eventi avversi cardiovascolari che i calcio-antagonisti o diuretici nei pazienti con BMI più alto.

Commento:

La meta-analisi negli studi sulla pressione sanguigna spesso sono confusi dalla eterogeneità tra gli studi, farmaci concomitanti, e altre sfide metodologiche. Tuttavia, il fallimento di questa analisi per mostrare prove convincenti che l’adiposità altera gli effetti cardioprotettivi di un particolare regime antipertensivo sostiene di non usare BMI come fattore nella scelta delle terapie anti-ipertensivi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *