Stopping Anticoagulant Therapy in Patients with First Unprovoked Venous Thromboembolism

Jamaluddin Moloo, MD, MPH Reviewing Kearon C et al., Ann Intern Med 2015 Jan 6; 162:27
Non fare affidamento su risultati del D-dimero negativo per aiutare a selezionare pazienti per la sospensione anticoagulante.

 

Tutti i pazienti con primo episodio di trombo-embolismo venoso non provocato (TEV) richiedono una terapia anticoagulante a lungo termine?
In questo studio, i ricercatori hanno valutato se un risultato negativo di test d-dimero identifica in modo sicuro pazienti in cui la terapia anticoagulante può essere sospesa. Il test d-dimero è stato fatto in 410 pazienti con primo episodio di TEV non provocata (cioè trombosi venosa profonda prossimale delle gambe o embolia polmonare) che avevano ricevuto terapia anticoagulante da 3 a 7 mesi.
I pazienti con risultati positivi durante la terapia continuato l’anticoagulante; quelli con risultati negativi sospendono l’anticoagulante e hanno eseguito un controllo dei D-dimeri dopo un mese. Se il secondo test é risultato poi positivo la terapia anticoagulante è stata ricominciata mentre se negativo, la terapia è stata interrotta a tempo indeterminato.
I pazienti sono stati seguiti per una media di 2, 2 anni. Dei 392 pazienti che avevano d-dimero risultato negativo e quindi anticoagulanti sospesi, 2 hanno avuto recidive di TEV prima della ripetizione del test d-dimero dopo un mese.
Tra coloro che hanno subito ripetuto il test d-dimero, il 15% è risultato positivo e quindi hanno ripreso la terapia anticoagulante. Tra coloro che sono risultati negativi e quindi senza terapia anticoagulante, i tassi di recidive di TEV erano 6,7% per paziente-anno nel complesso
Commento:
Questi risultati supportano le linee guida dell’ American College of Chest Physicians che suggeriscono che i pazienti con prima TEV non provocata, ricevono una terapia anticoagulante a tempo indeterminato se il loro rischio di sanguinamento non è elevato; per la maggior parte dei pazienti, il test d-dimero negativo non conferisce la sicurezza di un rischio abbastanza basso per sostenere la terapia anticoagulante.
Tuttavia, le donne che assumevano estrogeni al momento della TEV iniziale non ha avuto recidive dopo l’interruzione degli estrogeni; ulteriori test d-dimero o di terapia anticoagulante in tali donne non sembra essere indicata. Per i pazienti che sono riluttanti a continuare l’anticoagulante per un periodo indefinito, le prove d-dimero potrebbero guidare il processo decisionale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *