Validation of a model for identification of patients at intermediate to high risk for complications associated with acute symptomatic pulmonary embolism

Carolina Fernández, MD; Carlo Bova, Chest. 2015. doi:10.1378/chest.14-2551

Per i pazienti con diagnosi di embolia polmonare acuta sintomatica (PE), il punteggio Bova classifica il rischio di sviluppare complicanze PE-correlate entro 30 giorni dopo la diagnosi. L’originale studio punteggio Bova deriva il modello da 2.874 pazienti normotesi che avevano EP acuta e hanno partecipato in uno dei sei studi prospettici PE.

Metodi: Abbiamo valutato retrospettivamente la validità del modello di rischio Bova in pazienti normotesi con EP acuta diagnosticata in un dipartimento di emergenza urbana accademico. Due ricercatori hanno utilizzato i dati di base clinico per 4 variabili prognostiche del modello di stratificare i pazienti nelle tre classi di rischio Bova (I-III) per complicazioni legate PE 30 giorni.

Risultati: Il punteggio di rischio Bova classificato la maggioranza della coorte di 1.083 pazienti nella fase di rischio più basso Bova (fase I, l’80%, fase II, il 15%, stadio III, 5%), L’endpoint primario si è verificato in 91 dei 1.083 (8,4%; 95% intervallo di confidenza [IC], 6,7-10%) pazienti durante i 30 giorni dopo la diagnosi PE. Classe di rischio correlato con il tasso di complicanze PE-correlata (classe I 4,4%, di classe II il 18%, e la classe III 42%; CCI 0.93 [95% CI, 0,92-0,94]; kappa statistica 0,80 [P <0,001]), in tasso -Hospital complicazione (classe I 3,7%, classe II 15%, e la classe III 37%), e la mortalità PE-correlata 30 giorni (classe I 3,1%, 6,8% di classe II e classe III 10,5%).

Conclusione: Il punteggio di rischio Bova stratifica con precisione i pazienti normotesi con EP acuta in fasi di aumento del rischio di complicanze PE correlate che si verificano entro 30 giorni dalla diagnosi PE.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *